Il nettare è  una soluzione composta da acqua e zucchero. Il nettare raggiunge elevate quantità di zucchero in particolare condizioni di umidità quindi al sorgere e calare del sole. Le api volano sulle piante soprattutto in questi orari, dove la concentrazione di nettare è maggiore

L’ape bottinatrice raccoglie il nettare dal calice dei fiori succhiandolo con la ligula, lo deposita nella borsa melaria posta nel suo addome per trasportarlo all’alveare. Rientrata al nido cede il suo prezioso carico alle compagne e dopo aver danzato sul favo per comunicare alle altre api le informazioni sulla distanza e direzione della fonte nettarifera, fa rifornimento di miele e riparte per un altro viaggio.

Nel favo il miele maturo verrà sigillato nella cella con la cera (opercolato) e sarà la scorta di cibo per la brutta stagione. L’apicoltore raccoglierà solo quello non necessario al sostentamento invernale della famiglia.

api e nettare

Passando di fiore in fiore il corpo della bottinatrice si sporca di polline, essa con le zampe si spazzola raccogliendo i granuli di polline, li impasta con un po’ di nettare e forma una pallottolina che trasporterà nelle “cestelle” poste nelle zampe posteriori. Al suo rientro nell’alveare le palline di polline vengono deposte nel favo; le magazziniere lo impastano con il miele e lo compattano nella celletta dove diventerà la preziosa fonte proteica per l’alimentazione delle larve. Per raccoglierlo l’apicoltore pone una rete all’ingresso dell’arnia, la bottinatrice con il suo carico vi passa con fatica ma le palline di polline si staccano e cadono in un cassettino pronte per essere essiccate e consumate

Nel periodo ottimale le api bottinatrici
possono portare nell’arnia fino a 5 kg di nettare al giorno.

La bottinatrice non visita solo i fiori ma raccoglie anche le altre sostanze necessarie alla vita dell’alveare come l’acqua e la propoli. Dalle secrezioni zuccherine delle piante raccoglie la melata ricchissima di sali minerali. Ma con i fiori l’ape ha un rapporto del tutto speciale, in cambio di nettare e polline assicura alle piante l’impollinazione incrociata.
Per ogni fiore abbiamo un tipo di miele: laddove ci sono fioriture estese le api tendono infatti a concentrare la raccolta solo su quella pianta; l’apicoltore ottiene così un miele monofloreale. Dai tanti fiori di un prato le api ci donano un miele chiamato “millefiori”.

Una volta nello stomaco il nettare raccolto dall’ape subirà una prima trasformazione unendosi alla saliva, avvenendo una diluizione del nettare e la creazione di acidi e fermenti

L’ape bottinatrice affida il suo raccolto all’ape interna dell’arnia, quando sarà depositato in catena da altre api nel favo di cera, sarà chimicamente diverso e diventerà miele.

scopri i nostri prodotti
Natale sta arrivando
Rendilo più dolce con i prodotti Iwant2beehappy
Scarica il nostro catalogo e scopri tutte le nostre golose proposte per i tuoi regali di Natale
PGlmcmFtZSB3aWR0aD0iMTAwJSIgaGVpZ2h0PSIxMDAlIiBzcmM9Imh0dHBzOi8vd3d3LnlvdXR1YmUuY29tL2VtYmVkLzRyYmE2NWVIRUprP3JlbD0wIiBmcmFtZWJvcmRlcj0iMCIgYWxsb3dmdWxsc2NyZWVuPjwvaWZyYW1lPg==
Maria Grazia Cucinotta
Un Augurio speciale a DSP ed a tutti voi con il miele i want to bee happy
Nuovo corso di Apicoltura
2019
Un corso in quattro appuntamenti per avvicinarsi ad un’arte antica a stretto contatto con la natura: dalla composizione dell’arnia alla gestione della sciamatura, dalla formazione di una nuova famiglia di api alla marchiatura della regina, fino all’invernamento.